Filmaboutit.com - Centinaia di argomenti... Migliaia di film!

Cerca e trova film su qualunque argomento!

» » Mustang

Mustang

Mustang (titolo originale)

Votazioni

  • 7,3
Mustang

Mustang è l'opera prima della regista Deniz Gamze Ergüven, scelta per rappresentare la Francia ai Premi Oscar 2015. Racconta la storia di cinque giovani sorelle che lottano per la loro libertà contro un potere maschile e patriarcale soffocante.

Anno: 2015

Traduzione disponibile: si

Generi: dramma

Acquista su Amazon.com

Argomenti trattati

argomento

grado attinenza

Adolescenza

Questione di Genere e Emancipazione femminile

Sorelle

Aggiungi alla lista

Aggiungi a: InteressanteIInteressante

Aggiungi a: VistoVVisto

Crew

ruolo

nome

Regista

Deniz Gamze Ergüven

Produttore

Charles Gillibert

Cast

nome

personaggio

Güneş Nezihe Şensoy

Lale

Erol Afsin

Osman

Doğa Zeynep Doğuşlu

Nur

Elit İşcan

Ece

Tuğba Sunguroğlu

Selma

İlayda Akdoğan

Sonay

Nihal Koldaş

La grand-mère

Ayberk Pekcan

Erol

Bahar Kerimoğlu

Dilek

Burak Yigit

Yasin

Suzanne Marrot

Aunt Hanife

Serife Kara

The Great-Aunt

Aynur Komecoglu

Aunt Emine

1 commenti

  1. Malos mannaja27 aprile 2016, 18:50:06

    Mustang è un film in cui indubbiamente si parla della condizione di cinque sorelle orfane nel nord della Turchia e per estensione della condizione delle donna in Turchia e nel mondo (argomento scomodo, troppo spesso dimenticato o cavalcato per ragioni politiche). Eppure si confronta con la materia usando soprattutto come chiave di lettura la fisicità dei corpi, intesi come strumenti di contatto e di interazione tangibile con l’altro e col mondo. Dunque, senza erotismi proto-hollywoodiani o denunce porno-intellettualoidi, la telecamera si muove con piglio quasi etologico, filmando le cinque sorelle: volti, grovigli di gambe, di lunghi capelli e chilometri quadri di pelle per mettere a nudo la realtà dell’essere vivi. Nessuna malizia, nessuna assoluzione o condanna, semplicemente la volontà di fare piazza pulita delle sovrastrutture culturali che ci impediscono di riconoscerci nel guardaci allo specchio: questo siamo, mammiferi a sangue *caldo*, punto. Ed ecco che, a inevitabile corollario, lo spettatore viene colpito e affondato, (ri)scoprendosi più vulnerabile all’esperienza tattile che a quella visiva (non è forse vero che quando perdiamo un affetto ciò che più ci strazia è il fatto di non poter più stringere/abbracciare il defunto?). In tal senso, Mustang è un potente antidoto alla virtualizzazione estrema della nostra vita di relazione in epoca di social networks, un benefico elettroshock a fior di pelle, capace di risvegliare ricordi d’infanzia di indurci a cercare il conforto della mano di chi è accanto a noi in sala.
    Sempre in tal senso, Mustang ci restituisce non tanto l’innocenza degli “occhi bambini”, quanto la spietata umanità degli occhi bambini nel *punto di flesso* in cui “trapassano” all’adolescenza: carne e pensiero in attiva ebollizione, i cinque sensi che si ribellano al senso della vita, il minimo scarto che separa la vita (Lale) dalla morte (Ece) e molto altro.
    Insomma davvero un ottimo film, da vivere più che da vedere, lasciandosi guidare dalla voce narrante della più piccola delle cinque sorelle verso un altrove che è ancora indiscutibilmente tutto da scrivere. Nota particolare anche per la recitazione potente, corale (quasi che le cinque protagoniste fossero parte di un unico corpo) delle giovani attrici, d’una bravura davvero non comune.

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.

Accedi o crea un account
tmdb.org

This product uses the TMDb API but is not endorsed or certified by TMDb.

Powered by CMS ONice - Copyright ©2005-2016 IceLab