Filmaboutit.com - Centinaia di argomenti... Migliaia di film!

Cerca e trova film su qualunque argomento!

» » Suburra

Suburra

Suburra (titolo originale)

Votazioni

  • 7,5
Suburra

Il nuovo lungometraggio di Stefano Sollima ambientato nella Roma contemporanea.

Anno: 2015

Traduzione disponibile: si

Generi: crime, dramma

Acquista su Amazon.com

Argomenti trattati

argomento

grado attinenza

Criminalità organizzata e Mafia

Banditismo e Gang

Corruzione

Aggiungi alla lista

Aggiungi a: InteressanteIInteressante

Aggiungi a: VistoVVisto

1 commenti

  1. Cybbolo522 maggio 2016, 07:21:48

    Un film dal taglio molto americano, per stile di trame intrecciate tra loro poco a poco, e soprattutto per ritmo supportato da lampi frequenti fino alla fine.
    Grandi le interpretazioni di tutti, anche se qualcuna eccessivamente caricata, forse per esigenze di spettacolo.
    Qualche gratuità di troppo, a mio parere, ché alcune scene di reazione mi appaiono troppo sopra le righe, sempre con l'intento, dico io, di compiacere il pubblico.
    Epperò tutto va alla grande come un meccanismo bene oliato e si spalancano mondi che abbiamo già avuto modo di conoscere bene con altre pellicole di genere come "Romanzo criminale" e "Gomorra".
    Il sottobosco caratterizzato con lucidi bianco e nero degli anni sessanta, sottoproletario, confuso, mai organizzato, lascia il posto alla nouvelle vague di genere, cruda, esteticamente perfetta, molto cinica, improntata su finanza e politica a braccetto con malavita organizzatissima.
    Ecco: parliamo di cinismo. Una cosa mi sento di rimproverare a Sollima: il finale.
    E' un finale piuttosto manicheo, dove i cosiddetti cattivi, in un modo o nell'altro, fanno tutti una brutta fine, quasi che il messaggio del film sia di speranza per un mondo migliore ricostruito su criteri di giustizia politica e sociale.
    Questa, secondo me, è la parte più debole del film, ancorché la più gratificante, forse, per lo spettatore, ché è anche vero che la speranza è l'ultima a morire, ma è anche vero che chi vive sperando muore cantando.
    Mi dispiace, ma la speranza per parte mia è già stata perduta da tempo e non credo che il posto di Samurai o di Anacleti o di Malgradi siano a tutt'oggi vacanti.
    A margine: complimentissimi per il senso estetico del film, dalla fotografia alle inquadrature. Mi piace citare la morte di Samurai che mi ha riportato alla mente addirittura scene di Matrix e di Ip Man.
    Film, comunque, di ottimo livello, da vedere assolutamente, se non altro per cinico e disilluso passatempo all'insegna di propri autoconvincimenti e di ricerca del bello formale.

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.

Accedi o crea un account
tmdb.org

This product uses the TMDb API but is not endorsed or certified by TMDb.

Powered by CMS ONice - Copyright ©2005-2016 IceLab