Movie Encyclopedia | Find Thousands of Movies by Theme | Filmaboutit.com

Search and find movies by any topic!

The Last Circus

Ratings

  • 6,7
The Last Circus

Year: 2010

Translation available: yes

The journey of Javier, the obese Sad Clown, starts during his childhood in the midst of the Spanish civil war in 1937.

Genres: actiondramathriller

Buy at Amazon.com

Associated topics

topic

relevance grade

Circus

Civil War in Spain

Francoism

Trailer

Crew

role

name

Film director

Álex de la Iglesia

Film producer

Vérane Frédiani

Film producer

Gerardo Herrero

Film producer

Franck Ribière

Cast

name

character

Santiago Segura

Payaso tonto

Antonio de la Torre

Sergio

Raúl Arévalo

Carlos

Fran Perea

Soldado nacional

Carolina Bang

Natalia

Carlos Areces

Javier

Manuel Tallafé

Ramiro

Alejandro Tejerías

Motorista-fantasma

Manuel Tejada

Jefe de pista

Enrique Villén

Andrés

Gracia Olayo

Sonsoles

Sancho Gracia

Coronel Salcedo

Paco Sagárzazu

Anselmo

Terele Pávez

Dolores

Show all

1 comments

  1. Cybbolo5225 July 2016, 21:34:24

    Film di perdenti eroi, ossimoro forse, ma ben congegnato in una storia di amore, odio, vendetta, pazzia e tanti aspetti oscuri che nascono metaforicamente dall'inizio pellicola ambientato durante la guerra civile spagnola con le sue aberrazioni.
    Si rasenta il grottesco, il pulp, anche il poetico volto ad esplorare amori distorti e abissi di illogicità. Grande fotografia coinvolgente in una nebbiolina azzurrina quasi impercettibile che favorisce il concetto di sogno, o anche di incubo.
    Attori efficaci, istrionici per come devono esserlo protagonisti di un circo. De la Iglesia ritorna a grandi fasti dopo lo scivolone di Oxford murderers, troppo rarefatto e cerebrale rispetto a questa pellicola di sangue e umanità, dalla più nobile alla più bestiale.
    A margine: la canzone che dà il titolo in originale è assurta al successo negli anni sessanta per merito del trombettista Nini Rosso: una piccola chicca che si aggiunge ad altre piccole citazioni rimetabolizzate con maestria (la scalata del crocefisso finale mi ha ricordato il monte Rushmore di 'Intrigo Internazionale' del buon vecchio Hitchcock.
    In definitiva film molto denso, dolorosamente bello ed esagerato.

Only registered users can leave comments.

Login or register an account