Iqbal è un ragazzino sveglio, generoso e con un innato senso di giustizia. Suo fratello è gravemente malato e così decide di scappare per trovare i soldi necessari a curarlo, finendo però nelle mani di uno schiavista che lo costringe a lavorare nella sua fabbrica di tappeti insieme ad altri bambini.

Lavoro minorile

Lavoro minorile

Puglia, fine '800. Dopo la morte del padre, il piccolo Giuseppe Di Vittorio è costretto a lavorare come spaventacorvi assieme ai braccianti di Cerignola per sostenere i bisogni della famiglia.

Lavoro minorile

Lavoro minorile

Bihn è un giovane vietnamita cresciuto in adozione che lascia il villaggio in cui vive per cercare la madre ad Ho-Chi-Minh City.

Lavoro minorile

Nell'Afghanistan dominato dai Talebani, una ragazza si traveste da uomo per garantire la sopravvivenza della propria famiglia.

Lavoro minorile

Alcuni rifugiati afghani lavorano in un cantiere di Tehran, come manovali. Un giorno Najaf ha un incidente ed è costretto ad abbandonare il lavoro.

Lavoro minorile

Una ragazzina di 13 anni viene assunta per una breve supplenza nella scuola di una zona rurale e misera della Cina, in cui anche i gessetti sono un bene prezioso.

Lavoro minorile

Lavoro minorile

Amiro, giovanissimo, ha perso la casa a causa della guerra. Trascorre le sue giornate lavorando finché capisce che la scuola può permettergli di realizzare i suoi sogni.

Lavoro minorile

Siamo nella Sardegna degli anni quaranta; Gavino Ledda bambino di 6 anni viene costretto dopo soli due mesi di scuola ad abbandonare l'istruzione per aiutare il padre a governare il gregge nei pascoli di Baddhevrùstana. Gavino cresce nel pieno isolamento dalla civiltà e dai contatti umani.

Lavoro minorile

La dura vita di una famiglia di poveri contadini in un paesino della bassa friulana all'inizio degli anni '30

Lavoro minorile

Dopo il furto della propria bicicletta, mezzo che gli permetteva di lavorare, un uomo vaga per la città con tutta la famiglia sperando di poterla ritrovare.

Lavoro minorile

Lavoro minorile

Due giovanissimi sciuscià (da “shoe-shine”, lustrare scarpe) napoletani sognano di comperare un cavallo bianco tutto per loro e, per averlo, s'invischiano in un “lavoretto” per adulti che li porta in un carcere minorile.

Lavoro minorile

Risultati 1 - 16 su 16

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.