Arancia meccanica

Anno: 1971

Traduzione disponibile: si

Votazioni

  • 9,3

Alex è un giovane senza arte né parte, figlio di proletari e dedito a furti, stupri e omicidi. Fa capo a una banda di spostati, denominati drughi.

Generi: fantascienzadramma

Acquista su Amazon.com

Aggiungi alla lista

Aggiungi a: InteressanteInteressante

Aggiungi a: VistoVisto

Trailer

Crew

ruolo

nome

Regista

Stanley Kubrick

Sceneggiatore

Stanley Kubrick

Produttore

Stanley Kubrick

Cast

nome

personaggio

Malcolm McDowell

Alexander de Large

Patrick Magee

Mr. Alexander

Adrienne Corri

Mrs. Alexander

Michael Bates

Chief Guard

Warren Clarke

Dim

James Marcus

Georgie

Michael Tarn

Pete

Carl Duering

Dr. Brodsky

Paul Farrell

Tramp

Miriam Karlin

Catlady

Sheila Raynor

Mum

Aubrey Morris

Mr. P. R. Deltoid

Godfrey Quigley

Prison Chaplain

Clive Francis

Lodger

Richard Connaught

Billy Boy (gang leader)

Pauline Taylor

Psychiatrist

Philip Stone

Dad

David Prowse

Bodyguard

Michael Gover

Prison Governor

Anthony Sharp

Minister

Margaret Tyzack

Conspirator

Gillian Hills

Sonietta

Carol Drinkwater

Nurse Feeley

Virginia Wetherell

Stage Actress

Katya Wyeth

Girl in Ascot Fantasy

George Coulouris

Professor (uncredited)

Pat Roach

Milkbar Bouncer

Vedi tutti

1 commenti

  1. Cybbolo5211 aprile 2016, 10:04:53

    Si tenga presente la data e si rifletta: Kubrick ha creato un'architrave circa linguaggio, montaggio, situazioni, modo di intendere denunce e ribellioni. Tutto il resto che verrà, riguardo il gener, sarà ispirato da qui, o forse anche da If di Lindsay Anderson, sempre con lo stesso protagonista molto calzante e calzato nella parte di disadattato ribelle, qui, però, a differenza di If, perdente e soccombente al sistema in una conclusione che non offre appigli di speranza.
    Ottima la fotografia, algida anche nel colore più acceso, ottima la colonna sonora assai coinvolgente e ottime le scenografie che proiettano in un neomondo a metà tra il fantascientifico prossimo e il presente già modellato realmente su un futuro incentrato dalla ripulitura di molti valori vetusti.
    Scene di violenza che allora fecero scandalo ora si bevono come acqua fresca, segno che il regista aveva vaticinato in maniera perfetta.
    Se ne deduce che siamo ormai mitridatizzati e che occorre ben altro, oggi, per scuoterci, anche se siamo sulla buona strada comunque, sia nel cinema che nella vita reale.
    Da rivedere per riapprezzare vieppiù.

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.