Le ali della libertà

Anno: 1994

Traduzione disponibile: si

Votazioni

  • 7,7

Siamo nel 1946. Processato per l'omicidio della moglie e del suo amante, Andy, un bancario del New England, viene condannato a un doppio ergastolo e recluso nel penitenziario di Shawshank.

Generi: drammacrime

Acquista su Amazon.com

Aggiungi alla lista

Aggiungi a: InteressanteInteressante

Aggiungi a: VistoVisto

Argomenti trattati

argomento

grado attinenza

Evasioni e Tentativi di fuga

Corruzione

Scacchi

Trailer

Crew

ruolo

nome

Regista

Frank Darabont

Produttore

Niki Marvin

Cast

nome

personaggio

Tim Robbins

Andy Dufresne

Morgan Freeman

Ellis Boyd 'Red' Redding

Bob Gunton

Warden Samuel Norton

William Sadler

Heywood

Clancy Brown

Captain Byron T. Hadley

Gil Bellows

Tommy

Mark Rolston

Bogs Diamond

James Whitmore

Brooks Hatlen

Jeffrey DeMunn

1946 D.A.

Larry Brandenburg

Skeet

Neil Giuntoli

Jigger

Brian Libby

Floyd

David Proval

Snooze

Joseph Ragno

Ernie

Jude Ciccolella

Guard Mert

Paul McCrane

Guard Trout

Renee Blaine

Andy Dufresne's Wife

Morgan Lund

Laundry Truck Driver

Scott Mann

Glenn Quentin

Scott Mann

Glenn Quentin

John Horton

1946 Judge

Gordon Greene

1947 Parole Hearings Man

Alfonso Freeman

Fresh Fish Con

V.J. Foster

Hungry Fish Con

Frank Medrano

Fat Ass

Mack Miles

Tyrell

Gary Lee Davis

Rooster

Neil Summers

Pete

Ned Bellamy

Guard Youngblood

Brian Delate

Guard Dekins

Don McManus

Guard Wiley

Dorothy Silver

1954 Landlady

Dion Anderson

Head Bull Haig

Robert Haley

1954 Food-Way Manager

Bill Bolender

Elmo Blatch

John R. Woodward

Bullhorn Tower Guard

Claire Slemmer

Bank Teller

Rohn Thomas

Bugle Editor

Ken Magee

Ned Grimes

Brian Brophy

1967 Parole Hearings Man

James Babson

Con (uncredited)

Fred Culbertson

Police Officer (uncredited)

Alonzo F. Jones

Inmate (uncredited)

Sergio Kato

Inmate II (uncredited)

Philip Ettington

Frank (uncredited)

Neil Summers

Pete

Philip Ettington

Frank (uncredited)

Vedi tutti

1 commenti

  1. Cybbolo5212 aprile 2016, 11:12:26

    Non sono tantissimi i films tratti da opere di Stephen King che si possano definire riusciti bene. Questo è uno di quei pochi.
    I personaggi sono così calzati nella parte che si fa molta fatica a immaginare Andy con un volto diverso da quello di Tim Robbins, ma l'osservazione vale per tutti gli altri.
    Il film scorre via con buon ritmo grazie alla densità della storia, ad una buona dose di suspence, a qualche dettaglio narrativo di primo ordine (la cronologia dei tempi scandita dai manifesti alla parete della cella, per esempio).
    Morale tipicamente americana che tutto rende sormontabile all'insegna dell'ottimismo: il sogno americano anche dietro le sbarre di una prigione e la ricerca di proprie risorse di carattere roosveltiano sollecitate a fronte delle più impensabili difficoltà e restrizioni.
    La morale due, semplicistica, che l'abito non fa il monaco, con tutto quello che ne scaturisce: i rei diventano simpatici e quelli che dovrebbero rappresentare i buoni diventano odiosi e non sono da additare come esempi.
    Film furbo, quindi, ma anche spettacolare, avvincente, coinvolgente, ed è quello che conta per una sana evasione: le considerazioni di carattere morale sono demandate al poi e non sono obbligatorie.
    Bel film.

Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.